I testi riprodotti sul sito sono offerti alla consultazione per fini esclusivamente di informazione.

Il Dipartimento per le Politiche della Famiglia si riserva il diritto di modificare i contenuti del sito e delle note legali in qualsiasi momento e senza alcun preavviso e non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda il contenuto e il corretto funzionamento dei siti esterni, ai quali è possibile accedere tramite collegamenti posti all'interno del sito, che sono forniti come semplice servizio agli utenti della rete.

Social media

Il Dipartimento utilizza i social media per finalità istituzionali, per accrescere la trasparenza e la conoscenza delle proprie attività: informa, comunica, ascolta e pubblica contenuti di carattere istituzionale.

I contenuti pubblicati comprendono fotografie, video istituzionali, comunicati stampa, informazioni di servizio, notizie relative all’attività del Dipartimento nonché opportunità di coinvolgimento e partecipazione dei cittadini.

Attraverso i propri canali social, il Dipartimento può condividere e rilanciare contenuti e messaggi di pubblico interesse e utilità pubblicate da altri utenti.

I canali social del Dipartimento vengono costantemente e sistematicamente  monitorati.

Il Dipartimento si impegna a gestire spazi di comunicazione e dialogo all’interno dei propri profili nei diversi social media chiedendo ai propri utenti il rispetto di alcune semplici regole:

  1. A tutti si chiede di esporre la propria opinione con correttezza, misura e rispetto.
  2. Nei social media ognuno è responsabile dei contenuti che pubblica e delle opinioni che esprime. Non saranno comunque tollerati insulti, volgarità, offese, minacce e, in generale, atteggiamenti violenti o diffamatori.
  3. I contenuti pubblicati devono rispettare sempre la privacy delle persone. Vanno evitati riferimenti a fatti o a dettagli privi di rilevanza pubblica e che ledano la sfera personale di terzi.
  4. L’interesse degli argomenti rispetto alle attività della Presidenza del Consiglio dei Ministri è un requisito essenziale: non è possibile in alcun modo utilizzare questi spazi per scopi diversi da quelli istituzionali.
  5. Ogni discussione è legata a un tema specifico: a tutti i partecipanti è richiesto di rispettarlo, evitando di allargare il confronto in modo generico e indiscriminato.
  6. Non sarà tollerata alcuna forma di pubblicità, spam o promozione di interessi privati o di attività illegali.
  7. Non sono ammessi contenuti che violino il diritto d’autore né l’utilizzo non autorizzato di marchi registrati.

In ogni caso, ove il social media lo permetta, saranno rimossi dallo staff tutti i post, i commenti o i materiali audio/video che: 

  1. presentano un linguaggio inappropriato e/o un tono minaccioso, violento, volgare o irrispettoso;
  2. presentano contenuti illeciti o di incitamento a compiere attività illecite;
  3. hanno contenuti offensivi, ingannevoli, allarmistici, o in violazione di diritti di terzi;
  4. divulgano dati e informazioni personali o che possono cagionare danni o ledere la reputazione di terzi;
  5. presentano contenuti a contenuto osceno, pornografico o pedopornografico, o tale da offendere la sensibilità degli utenti;
  6. hanno un contenuto discriminatorio per genere, razza, etnia, lingua, credo religioso, opinioni politiche, orientamento sessuale, età, condizioni personali e sociali;
  7. promuovono o sostengono attività illegali, che violano il copyright o che utilizzano in modo  improprio un marchio registrato.

Per chi dovesse violare ripetutamente queste condizioni o quelle contenute nelle policy degli strumenti adottati, il Dipartimento si riserva il diritto di usare il ban o il blocco (quando possibile dopo un primo avvertimento) per impedire ulteriori interventi, e di segnalare l’utente ai responsabili della piattaforma ed eventualmente alle forze dell’ordine.

Di seguito si indicano i profili ufficiali del Dipartimento sui social media: www.twitter.com/conffamiglia.

Eventuali altri account riferiti al Dipartimento non sono da questo gestiti.