Fondo per la Famiglia Intese Conferenza Unificata

Infanzia e Adolescenza

Il Fondo per le politiche della famiglia è stato istituito presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri per promuovere e realizzare  interventi a  tutela della famiglia, in tutte le sue componenti  e  le  sue  problematiche generazionali, nonché per supportare l'Osservatorio nazionale sulla famiglia (art. 19, comma 1, del Decreto Legge 4 luglio 2006, n° 223, convertito, con modificazioni, dalla legge n° 248 del 4 agosto 2006).

La norma (art. 1, commi 1250 e 1251, della legge del 27 dicembre 2006, n° 296) prevede interventi con le seguenti finalità:

- il finanziamento delle iniziative di conciliazione del tempo di vita e di lavoro;

- la sperimentazione iniziative di abbattimento dei costi dei servizi per le famiglie con numero di figli pari o superiori a quattro;

- il sostegno all’attività dell’Osservatorio nazionale per l’Infanzia e del Centro di documentazione nazionale di documentazione e analisi per l’infanzia;

- lo sviluppo di iniziative che diffondano e valorizzino le migliori iniziative in materia di politiche familiari;

- il sostegno alle adozioni internazionali e il pieno funzionamento della Commissione Adozioni Internazionali (CAI);

- il finanziamento dell’elaborazione del Piano nazionale per la famiglia;

- la riorganizzazione dei consultori familiari, al fine di potenziarne gli interventi sociali in favore delle famiglie;

- la promozione e l’attuazione di un accordo tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome per la qualificazione del lavoro delle assistenti familiari;

- favorire la permanenza od il ritorno nella comunità familiare di persone parzialmente o totalmente non autosufficienti in alternativa al ricovero in strutture residenziali socio-sanitarie;

- Il finanziamento di iniziative di carattere informativo ed educativo volte alla prevenzione di ogni forma di abuso sessuale nei confronti dei minori;

La normativa (art. 1, comma 1252, della legge del 27 dicembre 2006, n° 296) prevede inoltre che gli stanziamenti del Fondo per le Politiche della Famiglia vengano ripartiti con decreto del Ministro delle politiche della famiglia, previa intesa in sede di Conferenza Unificata.

Attività Programmate dalle Regioni per l'utilizzo del Fondo di riparto 2014