Esplora contenuti correlati

Commissione economica per l'Europa delle Nazioni Unite (UNECE)

Il Dipartimento segue i lavori della Commissione economica per l'Europa delle Nazioni Unite e partecipa ai tavoli tecnici organizzati nell'ambito della strategia per il raggiungimento e la implementazione dei Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs).

La Commissione economica per l'Europa delle Nazioni Unite (UNECE) è stata istituita nel 1947 dall'ECOSOC ed è una delle cinque commissioni regionali delle Nazioni Unite.

L'obiettivo principale dell'UNECE è promuovere l'integrazione economica paneuropea. L'UNECE comprende 56 Stati membri in Europa, Nord America e Asia. Tuttavia, tutti gli Stati membri interessati delle Nazioni Unite possono partecipare ai lavori dell'UNECE. Partecipano, inoltre, oltre 70 organizzazioni professionali internazionali e altre organizzazioni non governative.

Come piattaforma multilaterale, l'UNECE facilita una maggiore integrazione economica e cooperazione tra i suoi paesi membri e promuove lo sviluppo sostenibile e la prosperità economica attraverso: dialogo politico, negoziazione di strumenti giuridici internazionali, sviluppo di regolamenti e norme, scambio e applicazione delle migliori pratiche nonché competenze economiche e tecniche, cooperazione tecnica per i paesi con economie in transizione.

L'UNECE contribuisce a migliorare l'efficacia delle Nazioni Unite attraverso l'attuazione regionale dei risultati delle Conferenze e dei Vertici delle Nazioni Unite. Si concentra sui mandati globali delle Nazioni Unite in campo economico, cooperazione con altri attori globali e parti interessate chiave, in particolare la comunità imprenditoriale. L'UNECE stabilisce anche norme, standard e convenzioni per facilitare la cooperazione internazionale all'interno e all'esterno della regione.

Il Dipartimento segue i lavori della Commissione, partecipando a tavoli tecnici e Conferenze sui temi relativi alle politiche per la famiglia insieme al Ministero del lavoro e delle politiche sociali e rappresentanti del Ministero per gli affari esteri e per la cooperazione internazionale.

Per saperne di più

Torna all'inizio del contenuto